DARIO ROUSTAYAN

Nel mondo milioni di persone sono in fuga dalla guerra o si trovano ad essere senza casa a causa delle calamità naturali: senza un riparo, devono cercare di sopravvivere al gelo dell’inverno o sotto il sole cuocente, spesso senza aver nulla da mangiare e senza avere accesso ad acqua potabile.

In questo scenario di catastrofe umanitaria, dove intere comunità sono stremate dalla guerra, esistono però realtà come la Building Peace Foundation, co-fondata da Dario Roustayan, in grado di portare un aiuto concreto: con il suo progetto RE:BUILD, grazie al contributo di architetti e professionisti visionari come Pouya Khazaeli e Cameron Sinclair, è stato ideato un sistema costruttivo per realizzare strutture sicure e confortevoli nei campi di emergenza.

Grazie alle soluzioni modulari e prefabbricate di qualità, l’organizzazione si impegna per fornire agli sfollati un luogo sicuro dove riorganizzare la propria vita. Accanto alle case, infatti, vengono create anche altre strutture essenziali, come scuole, mense e cliniche o qualsiasi altro ambiente in grado di soddisfare esigenze locali: in questo modo si creano posti lavoro e si dà l’opportunità di ricominciare a milioni di persone in tutto il mondo.

Agli stessi profughi può essere lasciato il compito di montare le strutture, le quali possono anche essere facilmente smantellate e riutilizzate in caso di bisogno: è stato verificato che una decina di operai, anche senza esperienza o conoscenze nel campo edile, sono in grado di assemblare una struttura di 256 metri quadri in grado di durare anche oltre 20 anni. Grazie alla supervisione di un tecnico della Building Peace Foundation, gli sfollati stessi possono in questo modo sviluppare nuove competenze, il che può significare poter aspirare a trovare un lavoro dignitoso e quindi ambire ad un avvenire migliore.

Una delle principali sfide che Dario Roustayan ha dovuto affrontare con la sua fondazione è stata quella di creare degli spazi adatti a far sentire il più possibile le persone “a casa”: questo non solo perché violenza e conflitti potrebbero aver messo in discussione abitudini profondamente radicate nelle comunità, ma anche perché queste ultime sono culturalmente una molto diversa dall’altra.

I moduli quindi vengono studiati e composti in modo tale da ricordare le tipiche case tradizionali della comunità di riferimento: così facendo, gli stessi abitanti vengono spinti a preservare ed esprimere meglio la loro identità e viene promossa l’eredità culturale dei popoli anche nei giorni che vedono il loro sradicamento.

Per questo, RE:BUILD dopo una fase iniziale di valutazione e studio del progetto, propone progetti specifici di lavoro, così da effettuare installazioni personalizzate.

“La fondazione lavora in una vera visione di partnership con i propri interlocutori per disegnare e realizzare i Campi più adatti alle loro esigenze, tenendo conto di tutte le variabili di progetto come area geografica, ambiente culturale e portata del progetto, tra gli altri”, afferma Dario Roustayan.


La missione è quindi quella aiutare gli sfollati costruendo nuovi nuclei in grado di resistere alle crisi, dove si possono sostenere la crescita, anche personale, delle comunità locali e migliorare la loro qualità della vita.

 

LINKS

 

Dario Roustayan il mercato delle construzioni

Nel mercato edile odierno che vuole soluzioni sempre più veloci e facili da realizzare, Homy con la sua costruzione modulare si pone come la risposta perfetta alla richiesta di velocizzare il completamento dei progetti edili. La produzione modulare off-site può infatti ridurre gli sprechi di tempo e denaro, comportando un risparmio che di oltre il 50 per cento rispetto alla costruzione tradizionale.
Essa consente anche di semplificare drasticamente i metodi di produzione, rispettando al contempo l’ambiente durante la costruzione riducendo gli sprechi ed i rifiuti generati dal cantiere.

Dopo uno studio e una ricerca attenta, come elemento chiave per le costruzioni di Homy è stato scelto l’acciaio leggero, spiega Dario Roustayan, Strategic Business Advisor di Homy: grazie alle sue qualità chimico-fisiche: consente una reazione uniforme ad eventuali sollecitazioni sull’intera struttura. La predilezione nell’utilizzo di questo elemento è dovuta alla volontà proporre una struttura più solida e sicura possibile. Le strutture realizzate in acciaio leggero presentano infatti una più elevata resistenza passiva ad esempio in caso di incendio, rispetto ai prefabbricati in legno. Nonostante le strutture siano quindi semplici e veloci tra realizzare, queste non sacrificano la qualità.

“Il team che si occupa di progettazione all’interno dell’azienda costituisce uno dei punti più forti dell’azienda - aggiunge Roustayan- quest’ultima ha infatti a disposizione diversi professionisti con esperienza comprovata nel settore delle costruzioni, che si occupa dell’approvvigionamento, ingegneria, del mantenimento della qualità e di gestire i siti in Europa e non solo”.

Homy è divisa in due business unit che definiscono due diversi campi di applicazione dei prefabbricati: da un lato Homy Steel, che si occupa di progetti di edilizia residenziale e commerciale; dall’altro Homy Prefab, invece, si occupa di campi e accomodation per campi di lavoro temporaneo, oltre che progetti di low cost housing.

L’azienda si rivolge con queste due divisioni ai General Contractor europei, Real Estate, alle compagnie petrolifere e del settore minerario, nonché a tutte le agenzie delle Nazioni Unite e alle principali organizzazioni internazionali non governative, per servire tutte le loro rispettive operazioni e siti in tutto il mondo.

Il punto forte di Homy è la modularità dei propri prefabbricati: sempre più imprese edili, architetti, investitori pubblici e privati, richiedono maggiore flessibilità per la realizzazione dei propri progetti.
Homy si pone quindi come la risposta per tutti coloro in cerca di soluzioni edilizie rapide, facili da costruire e convenienti. Roustayan crede poi che il suo valore aggiunto si mostri quando in certi Paesi si riesce anche a portare anche un know-how innovativo. Sostiene infatti che “prima o poi, ogni processo di cambiamento e miglioramento della qualità della vita passerà attraverso un progetto di costruzione”

Mettendo a disposizione la propria tecnologia, l’azienda collabora con le comunità locali e attraverso il suo braccio filantropico - la Building Peace Foundation – anche con rifugiati e persone bisognose in cerca di un lavoro dignitoso, per educarli e permettergli di ambire ad un avvenire migliore, libero dalla povertà, fame e miseria.

Corruzione alla Pilosio Spa: patteggiano quattro dirigenti

Un anno e 4 mesi all’amministratore delegato Strunz, undici mesi a Colautti. L’inchiesta ruota attorno alle tangenti intascate da un funzionario ministeriale

Corruzione alla Pilosio udienza il 25 gennaio

L’appuntamento con l’udienza preliminare a carico dei sei professionisti coinvolti nell’inchiesta per presunta corruzione alla “Pilosio spa”, di Feletto Umberto, era fissato per ieri mattina, davanti al gup del tribunale di Udine, Daniele Faleschini Barnaba. Questioni di natura formale, però, han...

Corruzione, nei guai l’ex e il nuovo ad della Pilosio

UDINE. Se in Pilosio giravano mazzette, i vertici non potevano non sapere: gli inquirenti, questo, lo hanno sempre sospettato. E ora, a oltre sei mesi di indagini, qualche riscontro investigativo deve pure essere arrivato, se si è deciso di allungare la lista degli indagati. Non foss’altro, p...

Caso Pilosio, nell’agenda mazzette per oltre due milioni

UDINE. La custodiva nella sua casa di residenza, nel quartiere Africano di Roma, aggiornandola con cura certosina dopo ogni nuova trasferta: un’agenda in pelle marrone, piena zeppa di numeri, date e sigle. La sua contabilità nera. Da un lato la colonna delle entrate, ossia delle mazzette inta...

Inchiesta Pilosio, la Procura amplia le indagini

UDINE. Sono ancora numerosi i passaggi sui quali i militari del Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza devono fare chiarezza nell’ambito delle indagini sulle presunte mazzette della Pilosio a Roma. È destinato ad allargarsi dunque il nuovo filone aperto dalla procura di Udine d...

Mazzette della Pilosio a Roma: tre arresti

UDINE. Lui era il coordinatore della commissione ministeriale incaricata di vagliare e, se del caso, approvare le richieste di commercializzazione di ponteggi industriali e civili. Loro rappresentavano una delle tante aziende interessate non soltanto a ottenere quelle autorizzazioni, ma anche a...

Pilosio volta pagina: "Fatturato doppio nel giro di 5 anni"

UDINE. Pilosio, l’azienda leader nella realizzazione di casseforti e ponteggi per le costruzioni, taglia i ponti con il passato. E lo fa presentando ufficialmente il nuovo amministratore delegato Johann Strunz, 51 anni, austriaco di Linz, che da qualche settimana lavora nel quartier generale ...

«La corruzione c’è, ma nessuno la denuncia»

L’Italia occupa il 61° posto al mondo nella classifica del Rapporto sulla corruzione della Pubblica amministrazione (in Europa soltanto la Bulgaria sta peggio). Eppure, prima della bufera giudiziaria che, con le perquisizioni di martedì, si è abbattuta sull’ex presidente e amministratore delegato...

Corruzione, indagato l’ex ad di Pilosio

UDINE. Lo accusano di avere versato tangenti, per garantire appalti a sei zeri all’azienda che amministrava. Proprio lui, che con la sua lunga e riconosciuta esperienza manageriale era riuscito a resuscitare e rilanciare sul mercato mondiale una società sull’orlo del tracollo, si ritrova di p...

Manager austriaco guiderà Pilosio

UDINE. Sarà il manager austriaco Johann Strunz il nuovo amministratore delegato della Pilosio, la società di costruzioni con sede a Tavagnacco e con cantieri in mezzo mondo. Gli attuali amministratori dell’azienda, con in testa l’Ad ad interim Renato De Sabbata, non commentano e si riservano di...

Pilosio, cambio al vertice: Roustayan lascia

UDINE. Dopo sei anni Dario Roustayan lascia la Pilosio Spa di Feletto Umberto - provider di soluzioni di ingegneria per il mondo delle costruzioni e l'oil&gas - dove è stato presidente e amministratore delegato portando l'azienda a rinascere dopo una pesante crisi.Il nome del nuovo amministra...

Addio all’ingegner Marcello Tell, colonna della Pilosio

UDINE. Si è spento mercoledì sera, nella sua abitazione di Pagnacco, l’ingegner Marcello Tell, consulente della Pilosio di Feletto, azienda leader in Italia nella costruzione di ponteggi e casseforme. Aveva 79 anni ed è stato vinto da un male che lo aveva colpito poco tempo fa. Fino all’ultimo ...

Pilosio, la scommessa è mondiale

TAVAGNACCO Da New York per vedere da vicino il business della piccola Pilosio. Tra ottobre e dicembre a Tavagnacco sono arrivati gli emissari della Jp Morgan, perché la società finanziaria leader nel mondo è entrata nel pacchetto azionario di Pilosio grazie alla Polo holding. Holding guida

Pilosio, la scommessa è mondiale

TAVAGNACCO Da New York per vedere da vicino il business della piccola Pilosio. Tra ottobre e dicembre a Tavagnacco sono arrivati gli emissari della Jp Morgan, perché la società finanziaria leader nel mondo è entrata nel pacchetto azionario di Pilosio grazie alla Polo holding. Holding guida

Pilosio, la scommessa è mondiale

TAVAGNACCO Da New York per vedere da vicino il business della piccola Pilosio. Tra ottobre e dicembre a Tavagnacco sono arrivati gli emissari della Jp Morgan, perché la società finanziaria leader nel mondo è entrata nel pacchetto azionario di Pilosio grazie alla Polo holding. Holding guida

Vinci lascia la tv per le scuole friulane destinate ai profughi

di Domenico Pecile wUDINE «Lo faccio perché in un momento in cui non ho responsabilità quotidiane con il lavoro, ritengo sia giusto fermarsi un attimo e dare una mano a chi sta meno bene di noi. Tutto questo fa bene al cuore e alla testa». Poche parole, quelle di Alessio Vinci, giornalista

Vinci lascia la tv per le scuole friulane destinate ai profughi

di Domenico Pecile wUDINE «Lo faccio perché in un momento in cui non ho responsabilità quotidiane con il lavoro, ritengo sia giusto fermarsi un attimo e dare una mano a chi sta meno bene di noi. Tutto questo fa bene al cuore e alla testa». Poche parole, quelle di Alessio Vinci, giornalista

Vinci lascia la tv per le scuole friulane destinate ai profughi

di Domenico Pecile wUDINE «Lo faccio perché in un momento in cui non ho responsabilità quotidiane con il lavoro, ritengo sia giusto fermarsi un attimo e dare una mano a chi sta meno bene di noi. Tutto questo fa bene al cuore e alla testa». Poche parole, quelle di Alessio Vinci, giornalista

L’ad della Pilosio Roustayan ricevuto da Bill Clinton

UDINE Dal palco dell’evento annuale della famiglia Clinton, in programma in questi giorni a New York, il Ceo della Pilosio Dario Roustayan ha avuto l’onore di presentare, alla presenza dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, il “commitment” per la costruzione di scuole in Giorda

L’ad della Pilosio Roustayan ricevuto da Bill Clinton

UDINE Dal palco dell’evento annuale della famiglia Clinton, in programma in questi giorni a New York, il Ceo della Pilosio Dario Roustayan ha avuto l’onore di presentare, alla presenza dell’ex presidente degli Stati Uniti Bill Clinton, il “commitment” per la costruzione di scuole in Giorda